Getting married in Italy? Our 3 top Wedding Planners.

Getting married in Italy? Our 3 top Wedding Planners.

Dulcis in fundo our favorites wedding planners. This time we have chosen to remain in our country, Italy, since it is one of the top destination in the world for an unforgettable wedding. Although Italy is full of marvelous places, our three friends have the power to make any location magical.  With their different personalities and styles, they will meet all your needs and wishes. Here they are! Exclusive Italy Weddings, founded by Laura Frappa.   Le Jour du Oui, founded by Cristina Di Giovanna.   Honey and Cinnamon, founded by Federica Beni. When looking at their web sites and social profiles their overarching style stems out very clearly, so that you can decide if it is one you like. Are you looking for an over-the-top and glamorous wedding? Are you looking for a small, intimate gathering? No matter which style you choose, Laura, Cristina and Federica are credible, prepared, full of relationships and, most of all, they exactly know how to put together every detail of a wedding, from the invitations, to the paperwork and legal practices required.   Exclusive Italy Weddings If you are lost, or in a panic, Exclusive Italy Weddings will embrace your vision and style and orchestrate your luxury wedding from start to finish. Laura’s Team is a solid task force, with strong planning and execution skills and an international work approach. Exclusive Italy Weddings has a long record of VIP and celebrities clients.     Le Jour du Oui If your dream is to create something spectacular, more than you could ever envision, then, Le Jour du Oui is the right choice. Cristina and...

Read more >>
Di fine inverno, libri, e mandorli in fiore…

Di fine inverno, libri, e mandorli in fiore…

Siamo ufficialmente negli ultimi giorni di febbraio, ovvero, se la matematica non ci inganna, che fra un mese è primavera! Sbirciamo in alto oltre le nuvole grigie pregustando il sole e la brezza marzolina. Guardiamo l’orologio soddisfatti ogni pomeriggio e valutiamo che sì, le giornate si allungano sempre di più. La natura ci ricorda che sta per risvegliarsi, e lo fa attraverso la fioritura di uno degli alberi più belli e romantici: il mandorlo. La sua fioritura precede la comparsa delle foglie, ed i suoi fiori delicati sono in grado di resistere anche a temperature di pochi gradi. Narra la leggenda che l’eroe greco Acamante, in viaggio verso Troia, sostò per qualche giorno in Tracia. Qui conobbe la principessa Fillide di cui si innamorò subito e perdutamente. Acamante poi continuò il suo viaggio e andò in guerra. Fillide lo attese per dieci lunghi anni, fino a che, venuta a conoscenza della caduta di Troia, non vedendo alcuna nave tornare all’orizzonte, immaginò che l’amato fosse caduto e si lasciò morire di dolore. Così, la dea Atena, impietosita dalla struggente storia d’amore, tramutò quindi per pietà Fillide in un mandorlo. Ma Acamante non era morto, era solo stato trattenuto da un’avaria della sua nave. Quando seppe di Fillide, si recò nel luogo dove sorgeva l’albero e, colmo di amore e dolore, lo abbracciò. Fillide, in cambio di quell’abbraccio, fece spuntare piccoli fiori bianchi dai nudi rami. Ancora oggi, l’abbraccio fra i due innamorati è visibile in primavera, quando i rami dei mandorli fioriscono, a testimoniare l’amore eterno dei due giovani e la speranza della rinascita.   Oggi dunque vogliamo festeggiare questo albero straordinario, e tutte le gemme...

Read more >>
3 Lifestyle Bloggers We Love

3 Lifestyle Bloggers We Love

Here we are back again with our second post about the best bloggers that we love. Having presented our top food bloggers, this time we will talk about our preferred lifestyle bloggers, which we urge you to follow: Valdirose, Renée Kemps and The Jungalow. Although they apparently have three completely different styles, they share the same philosophy and passion for beauty in the simplest things, nature and handmade. In their blogs and social profiles they talk about life, food, travel, interior design. You will be inspired by their creativity, attention to details and perfection in each shot. Let’s get a closer look at Valdirose, Renée Kemps and The Jungalow  glam styles. Valdirose: Country Chic lifestyle Irene is the queen of hosting. If you want to learn how to through a party, host a candlelit dinner, or set up a charming B&B, you should attend her workshops in Tuscany and definitely follow her Instagram profile and her blog. There is no need to know or learn Italian!! Her pictures tell a story and stories are universal.         Renée Kemps: Modern lifestyle From Italy to Europe. Renée lives and works between Amsterdam and London. She is drawn to minimalist. “Light “ and “white” are two fundamental elements of her beautiful pictures. Although she loves streamlined clean design, her style is absolutely not cold and impersonal yet it inspires warmth, comfort and elegance.         The Jungalow: New Boho lifestyle Turn the page and turn up the volume! Justina is… bold colors, rich textiles, fun, joy and freedom. What we love about her is the vitality and...

Read more >>
il ROSA è un colore rock, natural, o chic?

il ROSA è un colore rock, natural, o chic?

Il rosa è un colore rock, natural, o chic? Febbraio, ultimo mese pieno dell’inverno, mese della fioritura dei mandorli e mese dell’amore… Qui a Dishes Only si è fatto un gran parlare sul colore di questo mese. E l’amore è rosso o rosa? E il rosa, è un colore lezioso? Troppo tenue? Delicato? Toppo parte di un mondo solo femminile? E nelle sue versioni più accese, il famoso”rosa shocking”, troppo POP? Anzi, a pensarci bene, quanti sono “I rosa”? Rosa shocking, appunto. Rosa cipria, l’elegante. Lo standard rosa confetto. L'”impegnato” rosa corallo. Poi l’ineffabile rosa antico, e il fashion rosa quarzo. E poi quelli che vengono dal mondo “alimentare”, come il rosa pesca, o il rosa salmone. Non hanno un allure un po’ anni ottanta? E che dire del rosa Dhalia, che non si capisce del tutto cosa sia.. E il malva, che invece è un viola chiaro, ma non come il lilla, diciamo più un lilla con una punta di rosa… ;-P. Il rosa “pastello” sembra una specie di “vox media” che ne raccoglie insieme degli altri, perché di altri ce ne sono, e potremmo continuare ad enumerarli per ore… L’associazione del colore, ed in particolare di questo colore, ad una differenza di genere, è una pratica abbastanza recente, o per lo meno fino a un paio di secoli fa era piuttosto normale che un uomo indossasse nuance come il rosa e decorazioni floreali. I bambini fino a sei anni vestivano di bianco e l’introduzione della suddivisione tra rosa e azzurro nella differenziazione tra bambini e bambine sembrano risalire solo alla metà del Diciannovesimo secolo. nel romanzo “Piccole Donne” di Louisa May Alcott, per...

Read more >>
Gennaio, il BIANCO

Gennaio, il BIANCO

Gennaio, il BIANCO… Da sempre gennaio rappresenta il mese della luce e del bianco, nel nostro immaginario. In effetti da fine dicembre le giornate cominciano impercettibilmente ad allungarsi, e poi arriva la neve, bianca, soffice, luminosa e riflettente. L’inizio dell’anno nuovo, la fine dei festeggiamenti natalizi e il bisogno di cibi depurativi ci fanno preferire il meno al più, il chiaro allo scuro, il leggero al pesante e la luce del mattino a quella di una candela… Il bianco è un colore con alta luminosità ma senza tinta: contiene tutti i colori dello spettro elettromagnetico. Il nero è invece l’assenza di colori. Il gennaio che ci piace immaginare è quello freddo e soleggiato della neve in montagna, delle “settimane” bianche, della “fiera del bianco”, e del chiarore delle lenzuola i sabati mattina quando fuori è freddo e ci piace un po’ indugiare al calduccio. Abbiamo dunque deciso di festeggiare anche i nostri, di bianchi, selezionandone alcuni tra i preferiti, e riunendoli in un’unica tavolozza qua sotto… Le occasioni per sfoderare questo “colore” a tavola sono molteplici, dal tè con le amiche ad una serata a tema, alla cura delle piante in casa, al desiderio di mangiare “chiaro”… A proposito, chi di voi ha mai sentito parlare o ha mai partecipato ad una “cena in bianco“? Partita nel 2012 a Torino, oggi coinvolge 187 città. “Volevo ricreare l’atmosfera affettuosa del Sud”, dice l’inventrice di questa meraviglioso evento collettivo. Si tratta di una cena organizzata all’aperto in un posto pubblico: tutti i partecipanti insieme vestono di bianco una piazza, una strada, un giardino, un luogo a sorpresa ogni volta diverso, trasformandolo in una...

Read more >>

Pin It on Pinterest